Carrello (0) €0,00

Chiudi

Articoli nel carrello

Il carrello è vuoto
Totale €0,00

Il tuo UDITO

Il tuo udito

Il suono è percepito dagli esseri umani attraverso il senso dell’udito. I suoni sono captati dall’orecchio come vibrazioni. Queste vibrazioni si convertono in impulsi nervosi che raggiungono il cervello dove sono codificati ed identificati.
Nello specifico, le onde sonore vengono raccolte dal padiglione auricolare, convergono nel condotto uditivo esterno per raggiungere la membrana del timpano che si mette a vibrare. Queste vibrazioni vengono trasmesse alla catena degli ossicini per penetrare poi nell’orecchio interno: si irradiano nel liquido contenuto nei canali della chiocciola, raggiungono l’organo del Corti e le sue cellule le quali, una volta stimolate, trasformano gli stimoli sonori in impulsi elettrici che viaggiando lungo il nervo acustico e raggiungono alcune zone della corteccia cerebrale (aree acustiche) dove avviene l’identificazione del messaggio sonoro.

Problematiche
Per quanto riguarda le persone adulte la scelta di rivolgersi ad un audioprotesista dell'udito nasce da una sensazione di disagio uditivo.
La percezione di questa problematica può derivare dal riscontro di alcune difficoltà nella comunicazione verbale, come il dover chiedere di ripetere ciò che è appena stato detto, oppure da limitazioni che vengono a crearsi nella vita quotidiana, come l'ascolto del televisore, la conversazione telefonica o difficoltà nel sentire il campanello di casa.
L'indebolimento dell'udito coinvolge la popolazione in una misura che va dal 20 al 30%.

Soluzioni
Gli ultimi studi evidenziano l'importanza di un cambiamento nelle protesi acustiche.
La nuova sfida dell'adattamento binaurale è proprio quella di restituire rotondità ai suoni che ci circondano al fine di poter localizzare l'origine del suono anche nei casi in cui non sia perfettamente di fronte a noi.
Spesso le situazioni nelle quali si riscontrano le maggiori difficoltà sono quelle in cui vi sono più persone che parlano o un ambiente abbastanza rumoroso; proprio per questo gli apparecchi acustici di ultima generazione sono improntati verso la risoluzione delle problematiche legate alla spazialità, con l'obiettivo di fornire un panorama sonoro a 360 gradi.
Questa caratteristica consente a chi li indossa di poter collegare agli apparecchi acustici una serie di periferiche audio come telefono cellulare e fisso, lettore musicale mp3, televisore e altre e di poterle ascoltare direttamente nel ricevitore degli apparecchi acustici, premendo semplicemente un pulsante, in modo tale che gli apparecchi acustici diventino veri e propri auricolari senza fili.
Tenere il passo con le nuove scoperte della tecnologia è fondamentale per i nostri professionisti, per poter garantire all'utente un servizio di qualità con soluzioni sempre all'avanguardia.